Piano di Miglioramento

Tenendo conto del RAV, Rapporto di Autovalutazione, il PdM (Piano di Miglioramento) presentato dall’Istituto intende esaminare le criticità che la scuola si troverà ad affrontare nel corso del presente anno scolastico e nei successivi, partendo dalle priorità che l’Istituto si è posto e qui di seguito, sinteticamente, riportate:

  •       risultati scolastici (ridurre il numero delle insufficienze del primo quadrimestre; implementare le eccellenze; aumentare le promozioni)
  •       risultati nelle prove standardizzate (promuovere il corretto svolgimento delle prove INVALSI; migliorare gli esiti; allineare i risultati all’interno della scuola)
  •       competenze chiave e di cittadinanza europea (sviluppare le competenze trasversali; migliorare il comportamento; aumentare l’impegno degli studenti; aumentare la partecipazione attiva; potenziare la competenza linguistica)
  •       risultati a distanza (proseguire gli studi di indirizzo; inserirsi nel mondo del lavoro in settori pertinenti agli studi)

Le azioni di miglioramento messe in campo dall’Istituto si focalizzeranno sulle diverse aree di processo:

  •       Curricolo, progettazione e valutazione

Avendo iniziato la formazione dei docenti sulla creazione del curricolo di Istituto si provvederà a definirne uno verticale; a diffondere l’abitudine di somministrare prove di continuità, intermedie e finali comuni per classi orizzontali; a definire criteri di valutazione trasparenti e condivisi.

  •       Ambiente di apprendimento

Si prevede di completare il processo di apprendimento-insegnamento per lo sviluppo delle competenze linguistiche e trasversali dei docenti e degli studenti.

  •       Inclusione e differenziazione

Poiché sono state messe in campo numerose azioni e ampia è stata l’offerta degli sportelli di recupero su diverse discipline, aperti alle richieste anche specifiche degli alunni, l’Istituto si impegna, nella compatibilità delle risorse disponibili, a riproporre le buone pratiche introdotte precedentemente e migliorarle laddove possibile. L'obiettivo resta la centralità dello studente e la sua formazione atutto tondo quale cittadino responsabile e consapevolmente rispettoso delle diversità.

  •       Continuità e orientamento

l'Istituto è sempre attivamente impegnato a promuovere iniziative che imple metino le Hard e le soft skills degli studenti ritenute fondamentali per i percorsi di formazione/istruzione successivi o per l'ingresso nel mondo del lavoro.

  •       Orientamento strategico e orientamento della scuola

E’ in fase di attuazione il processo di digitalizzazione e implementazione delle dotazioni informatiche delle classi e dei laboratori grazie ai fondi strutturali europei ottenuti in seguito alla adesione al Progetto PON.

  •       Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Attraverso la creazione del curricolo verticale d’Istituto, per evitare la frammentazione del sapere e del saper essere, ci si concentrerà sulla identificazione delle competenze strategiche, così da consentire la trasversale condivisione di competenze settoriali di indirizzo. Questo processo di trasversalità favorirà il raggiungimento del traguardo prefissato e la acquisizione di competenze spendibili anche in PCTO. L'obiettivo di internazionalizzazione della scuola è centrale e strategico alla creazione di un senso di appartenenza alla cittadinanza europea e globale

  •       Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Allegati
PdM 19-22.pdf